Home Chi Siamo Paesi in cui operiamo Africa Etiopia
PDF Print E-mail

Etiopia

Popolazione
73 milioni
58,1 milioni

Aspettativa di vita
Uomini: 48
Donne: 50
Uomini: 77
Donne: 83

Mortalità infantile
95‰
6 ‰

Persone infette dal HIV/AIDS
1,5 milioni (20,5‰)
140.000 (2.4‰)

Persone che hanno accesso all'acqua potabile
24%
100%

Persone che hanno accesso a istallazioni sanitarie adeguate
12%
100%

Alfabetizzazione
Uomini: 50%
Donne: 35%
Uomini: 99%
Donne: 98%

PNL pro capite
$800
$27.200

Popolazione al di sotto della soglia di povertà (1$ al giorno)
50%
-

Sources: CIA World Fact Book, 2005,
The State of the World's Children 2005.


Geografia

L'Etiopia è situata nell'Africa del nord-est. Confina col Gibuti, l'Eritrea, la Somalia, il Kenya e il Sudan, e ha perso l'accesso al mare dopo la guerra per l'indipendenza dell'Eritrea. Ha un altopiano elevato ed aspro, con montagne che raggiungono circa 5000 metri. Le regioni del sud-est e nord-est sono semiaride e spesso sono le più colpite da gravi periodi di siccità. Il clima delle regioni montuose è temperato. L'unica stagione delle piogge porta nell'ovest notevoli precipitazioni in luglio e agosto.


Storia

Il cristianesimo copto divenne la religione dominante in Etiopia nel IV secolo d.C. L'Etiopia - conosciuta fino al XX secolo come Abissinia - resistette con successo alle invasioni islamiche nel VII secolo, tranne lungo le coste del Mar Rosso. Nel 1400 la zona costiera fu colonizzata da commercianti portoghesi. Il paese rimase diviso in una serie di piccoli reami fino alla sua unificazione sotto Menelik II nel 1880. L'Etiopia fu occupata dall'Italia nel 1936, e successivamente liberata dagli Alleati. Nel 1974 fu destituito l'imperatore Hailè Selassiè e venne istituita una repubblica socialista, sotto la guida del colonnello Mengistu Hailè-Mariam. Il Paese fu devastato da una serie di carestie e dalla guerra civile. Dopo l'abbattimento della dittatura militare stalinista di Mengistu ad opera del Fronte Democratico Rivoluzionario, nel 1991, venne costituito un governo provvisorio e nel 1995 l'Etiopia divenne una Repubblica federale democratica.


Economia

L'economia è basata sull'esportazione di caffè, pellame e cuoio, spezie e aromi e sull'allevamento. L'agricoltura impegna ancora il 75% della popolazione, ma la guerra con l'Eritrea ha danneggiato le infrastrutture e ridotto la base industriale; il paese - uno dei più poveri al mondo - si sta lentamente avviando verso un'economia di mercato.


Popolazione

L'Etiopia assomma 76 etnie che parlano circa 300 lingue, benché quella ufficiale sia l'amarico.

Malgrado l'attuale struttura federale, le tensioni tra i vari gruppi sono sempre elevate.

L'urbanizzazione è ancora molto scarsa.

L'istruzione scolastica è gratuita per tutto il ciclo di studi, ma meno del 50% dei bambini riesce a frequentare la scuola.

Il calendario etiope inizia dall'11 settembre.

Cibo tipico è l'injera, una focaccia di grano dalla consistenza umida e spugnosa.

Il 65% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà.


Statistiche interne

I bambini registrati ai 368 Centri Compassion del Paese sono 81.943, mentre quelli sostenuti a distanza sono 77.705. I bambini in attesa di un sostenitore sono in totale 4.238. (Dati aggiornati al 30 giugno 2012)