Home Chi Siamo Paesi in cui operiamo Asia Tailandia
PDF Print E-mail

Tailandia

Popolazione
65,4 milioni
58,1 milioni

Aspettativa di vita
Uomini: 69
Donne: 74
Uomini: 77
Donne: 83

Mortalità infantile
20‰
6 ‰

Persone infette dal HIV/AIDS
570.000 (10,4‰)
140.000 (2.4‰)

Persone che hanno accesso all'acqua potabile
84%
100%

Persone che hanno accesso a istallazioni sanitarie adeguate
96%
100%

Alfabetizzazione
Uomini: 95%
Donne: 90%
Uomini: 99%
Donne: 98%

PNL pro capite
$8.100
$27.200

Popolazione al di sotto della soglia di povertà (1$ al giorno)
10%
-

Sources: CIA World Fact Book, 2005,
The State of the World's Children 2005.


Geografia

La Tailandia, già conosciuta come Siam, ha quattro zone topografiche principali: una regione centrale, ricca dal punto di vista agricolo e chiamata “la ciotola di riso” dell’Asia; una nord-orientale povera, afflitta da siccità e inondazioni stagionali; una regione settentrionale, montuosa, ricoperta da fitti boschi e valli fertili percorse da fiumi; infine una lunga striscia di terra ricoperta da foreste tropicali a sud. Il clima tropicale tailandese è caratterizzato dai monsoni, che apportano un elevato grado di umidità. Ogni zona ha praticamente tre stagioni: la stagione delle piogge (giugno/ottobre), la stagione fredda (novembre/febbraio) e la stagione calda (marzo/maggio).


Storia

Il regno di Tailandia fu fondato nel XIII secolo. È l’unico paese del sud-est asiatico che non sia mai stato colonizzato da una potenza europea, né è mai stato governato da un’unica cultura. Nel 1932 una rivoluzione pose fine a secoli di monarchia assolutistica e venne costituita una monarchia costituzionale, anche se i militari hanno sempre avuto un ruolo preponderante nel governo. Dal 1975 la Tailandia ha dato asilo a migliaia di rifugiati dell’Indocina comunista. Nel 1995 il governo ha attuato una serie di cambiamenti in favore di una maggior democratizzazione; attualmente il governo è presieduto da una coalizione di partiti.


Economia

L’80% della popolazione è dedito all’agricoltura, che produce riso, banane, tabacco e ananas. È sviluppata l’industria del legname, grazie alle foreste di tek, ebano e sandalo. È ai primi posti nel mondo per l’estrazione dello stagno. Nel 1997 il paese ha subito una brusca e fortissima recessione, da cui non si è ancore ripreso totalmente.


Popolazione

Le maggiori etnie in Tailandia sono Karen, Lisu e Lahu. I Karen abitano nella zona occidentale del Paese e vivono per lo più della coltivazione di riso; alcuni sono mahouts, cioè allevatori e conducenti di elefanti impiegati per il trasporto di tronchi nelle foreste di tek. Molti di loro sono cristiani. I Lisu vivono in remoti villaggi ad alte quote e sono concentrati soprattutto nella regione settentrionale del Paese. I Lahu, gente di montagna della Tailandia del nord, coltivano riso e mais; queste popolazioni cacciano ancora armati di balestre e frecce avvelenate.

L’istruzione scolastica è obbligatoria e gratuita per i primi sei anni. Solo una ristretta minoranza di ragazzi continua nel ciclo superiore.


Statistiche interne

I bambini registrati ai 225 Centri Compassion del Paese sono 35.606, mentre quelli sostenuti a distanza sono 33.519. I bambini in attesa di un sostenitore sono in totale 2.087. (Dati aggiornati al 30 giugno 2012)