Sostenitori in viaggio - visitare il bambino in adozione a distanza

 

Home Notizie Sostenitori in viaggio Il viaggio di Gabriele

EMERGENZE

EMERGENZA FILIPPINE: TIFONE HAIYAN 

Il tifone Haiyan che ha colpito le Filippine nei giorni scorsi ha devastato il Paese. L’area interessata è abitata da circa 40 milioni di persone, 1.7 milioni dei quali sono bambini (fonte Unicef). Leggi


PIOGGE IN INDIA 

Pesanti precipitazioni hanno colpito la zona di Vijayawada. Alcune famiglie hanno avuto danni alle loro abitazioni. Leggi



Leggi tutte le notizie ...


TESTIMONIAL

Luca Durante

LUCA DURANTE
Luca Durante è testimonial di Compassion Italia e ha sposato la causa dei bambini e quella dei poveri. Leggi.

Giuseppe Conte

GIUSEPPE CONTE
Giuseppe Conte parla per conto di coloro che voce non hanno. Leggi.


TESTIMONIANZE

Margaret Makhoha, laureata del programma Università e Leadership, è stata eletta senatrice.

UGANDA: DAL PROGRAMMA UNIVERSITARIO AL PARLAMENTO
Margret Makhoha, laureata del programma Università e Leadership, è stata eletta senatrice.Leggi la sua storia.

Lavoro infantile in Messico

MESSICO: LA PIAGA DEL LAVORO MINORILE
Francisco si sveglia prima dell’alba e, nel freddo del mattino, accende un piccolo fuoco per scaldare un po’ d’acqua. Leggi la sua storia.

PDF Print E-mail

Il viaggio di Gabriele in Guatemala

Gabriele, nel 2007, ha iniziato a sostenere a distanza Johana, una bambina del Guatemala.
Johana vive a Guetzaltenango, un piccolo villaggio immerso nel verde dei monti, insieme a sua mamma e due sorelle più piccole, anche loro sostenute a distanza tramite Compassion.
Durante un viaggio in Guatemala, nell'estate del 2010, Gabriele ha potuto incontrare Johana e la sua famiglia e visitare il Centro Compassion che frequenta. Ecco un suo breve resoconto e le sue foto:

Qualche mese fa ho potuto viaggiare in Guatemala, vi ero già stato una volta.
Di nuovo, ho potuto ammirare le bellezze di questo Paese, godere della straordinaria ospitalità del popolo Maya e, soprattutto, incontrare Johana, la ragazza che ho deciso di adottare a distanza.
La sua famiglia ha dovuto affrontare tanti disagi da quando il papà li ha abbandonati, ma Johana ora riesce di nuovo a sorridere. Le due sorelline di Jolanda si chiamano Antonieta e Jolanda e hanno 8 e 4 anni.
Per questo, sono contento di poter fare qualcosa per la sua famiglia: come dicono in spagnolo, sono il loro "padriño".
Ho potuto anche visitare la scuola che frequenta Johana, dove ho anche conosciuto Angelica, la direttrice: nel 2009 avevo infatti inviato una donazione, il Centro Compassion ha potuto acquistare delle travi con cui realizzare la copertura del tetto!
Ogni giorno che passa sono sempre più felice di questa mia scelta di solidarietà, adottare un bambino a distanza è una cosa straordinaria!