Sostenitori in viaggio - visitare il bambino in adozione a distanza

 

Home Notizie Sostenitori in viaggio Il viaggio di Ester e Stefano

EMERGENZE

EMERGENZA FILIPPINE: TIFONE HAIYAN 

Il tifone Haiyan che ha colpito le Filippine nei giorni scorsi ha devastato il Paese. L’area interessata è abitata da circa 40 milioni di persone, 1.7 milioni dei quali sono bambini (fonte Unicef). Leggi


PIOGGE IN INDIA 

Pesanti precipitazioni hanno colpito la zona di Vijayawada. Alcune famiglie hanno avuto danni alle loro abitazioni. Leggi



Leggi tutte le notizie ...


TESTIMONIAL

Lidia Genta

LIDIA GENTA
"È un privilegio enorme per me essere testimonial di Compassion..." Leggi.

Giorgio Ammirabile

GIORGIO AMMIRABILE
Giorgio è testimonial di Compassion, avvocato difensore dei bambini nel bisogno. Leggi.

TESTIMONIANZE

Aids

KENYA: AIDS, IL PREZZO PER L'AMORE DI UNA MADRE
Zainabu sentiva ancora risuonare in testa le parole che poco prima le aveva detto il medico: “Sei stata trovata positiva all’HIV, il virus che dà origine all’AIDS”. Leggi la storia.

La storia di Harold

HAROLD: DALLA POVERTA' A UNA NUOVA VITA
La storia di Harold parla di speranza, trasformazione e fede. Leggi la storia.

PDF Print E-mail

Galleria

Ester e Stefano incontrano Devita


Ester e Stefano, da qualche tempo, vivono in Indonesia, dove stanno imparando la lingua locale. Sono sostenitori di Devita, una ragazza di 13 anni che vive a Salatiga: vi proponiamo la lettura di questo emozionante incontro, con le loro parole.


La nostra visita al Centro Compassion di Salatiga è andata davvero bene, è stato un tempo ricco di belle emozioni. 

Appena arrivati siamo stati accolti da un membro dello staff locale, molto gentile. Ci ha presentato il lavoro che svolgono e abbiamo fatto un tour del Centro: oltre agli uffici di Compassion abbiamo visitato una chiesa molto grande che ospita un migliaio di persone e le aule dove si svolgono le attività con i bambini. Dopodiché ci siamo finalmente recati a casa di Devita, la “nostra bambina”, che si trova a pochi passi dal Centro. 


La cosa davvero unica di questi momenti è che abbiamo potuto parlare direttamente con loro: riusciamo già a cavarcela con l’indonesiano e siamo in grado di capire e farci comprendere, così anche loro si sono sentiti a loro agio e si sono aperti moltissimo. 

Abbiamo potuto parlare per molto tempo con Devita: abbiamo trovato una bella sintonia! Ci ha anche detto “Questo è un sogno che si realizza!”, facendoci commuovere.


Abbiamo conosciuto i genitori e i suoi due fratelli. Siamo stati in casa loro, abbiamo chiacchierato e bevuto del thé insieme. Devita ci ha donato una sua foto con tutta la famiglia e una cartolina realizzata da lei al Centro, raccontandoci quanto fosse grata a Dio per il nostro aiuto e la nostra visita. Prima di andare a pranzare abbiamo pregato insieme ed è stato un momento emozionante. Queste persone vivono in una baracca, ma hanno un cuore gioioso per Dio e i loro volti sono sempre sorridenti. La loro riconoscenza è stata una vera ricchezza per noi, oltre che un grande incoraggiamento e fonte di ispirazione.


Durante il pranzo abbiamo parlato tantissimo con Devita, ci siamo conosciuti meglio e poi siamo andati al supermercato. Abbiamo fatto la spesa per la sua famiglia, comprando del cibo e altri oggetti utili per la casa. Abbiamo incoraggiato Devita a scegliere un paio di scarpe, come regalo per lei. Infine, siamo tornati al Centro tutti insieme e ci siamo salutati, prometendoci di rivederci presto.