Notizie e testimonianze

Home Notizie Nicaragua: scontri nel Paese
PDF Print E-mail

Nicaragua: scontri e violenze nel Paese

Aggiornamenti del 10 agosto

In Nicaragua, i principali gruppi di opposizione proseguono nelle proteste di piazza per chiedere il rilascio di prigionieri politici e il disarmo dei paramilitari.

Nicaragua: scontri e violenze

Gli scontri continuano ad avere gravi effetti a livello economico: le compagnie aeree hanno ridotto il numero di voli per mancanza di passeggeri e turisti. Migliaia di piccoli negozi e attività sono state costrette a chiudere, lasciando tantissime persone in povertà.

Le scuole del Nicaragua hanno ripreso le lezioni, ma in molte zone del Paese gli studenti stanno ancora protestando, con manifestazioni e scioperi, per una maggiore libertà e autonomia delle scuole.

Purtroppo, non ci sono progressi nel dialogo: diverse organizzazioni continuano a documentare denunce relative a violazioni dei diritti umani.

Nonostante i disordini, la maggior parte dei centri Compassion riesce a offrire ai bambini attività regolari (cibo, corsi di formazione, scuola domenicale), anche se in maniera ridotta rispetto alla normalità.

Per favore, continua a pregare con noi:

  • - per la saggezza dei nostri operatori
  • - per le chiese e le comunità che collaborano con i nostri centri
  • - per la sicurezza dei bambini sostenuti e delle famiglie

Aggiornamenti del 20 luglio

Da quasi tre mesi, il Nicaragua è scosso da violenze generalizzate che hanno provocato la morte di almeno 351 persone. Secondo alcune organizzazioni per i diritti umani, scontri e insicurezza stanno prendendo piede in tutto il Paese.

Nicaragua: scontri e violenze

Le tensioni tra gruppi paramilitari e forze dell'ordine hanno dato vita a gravi scontri e manifestazioni nelle aree di Carazo, Matagalpa e Managua.

Come risultato delle violenze, migliaia di persone hanno già avuto gravi perdite economiche, soprattutto nel turismo e nel commercio. Secondo esperti, questo potrebbe costringere adulti e bambini a emigrare dal Paese.

 

Prega insieme a noi

Trenta bambini sostenuti da Compassion sono rimasti lievemente feriti negli scontri e l'atmosfera di insicurezza rimane molto alta. Nessuno di questi bambini è sostenuto dall'Italia.

Nicaragua: prega per i bambini

Per favore, prega con noi:

  • - per l’incolumità dei bambini e affinché la loro salute mentale ed emotiva possa essere preservata nonostante questo clima di paura e insicurezza.
  • - per i nostri operatori locali, per i centri Compassion e le chiese del Nicaragua
  • - per una risoluzione pacifica dei conflitti
  •  

    I nostri operatori di Compassion Nicaragua ci terranno aggiornati: se il bambino che sostieni dovesse essere colpito dalle violenze, verrai contattato dalla nostra sede.

 
I cookie permettono di migliorare la tua navigazione sul sito di Compassion. Utilizzando il sito, accetti l'uso dei cookie in base alle nostre linee guida. Per maggiori informazioni, leggi la informativa estesa.
Accetto i cookie:

EU Cookie Directive Module Information