Notizie e testimonianze

Home Notizie Tailandia: i ragazzi nella grotta
PDF Print E-mail

Tailandia: i genitori di uno dei ragazzi intrappolati nella grotta ringraziano

Tutti insieme, abbiamo pregato per nove giorni mentre 12 ragazzi e il loro allenatore di calcio erano intrappolati in una grotta di Tham Luang Nang, in Tailandia.

Finalmente, lunedì 2 luglio i soccorritori sono riusciti a raggiungere la grotta dove i ragazzi sono intrappolati e li hanno trovati vivi. Grazie a tutti coloro che hanno pregato insieme a noi per queste vite preziose!

Uno dei ragazzi è sostenuto da Compassion. Uno dei nostri operatori in Tailandia ha parlato con i suoi genitori.

“Grazie di cuore per tutte le preghiere e tutti gli incoraggiamenti. Sono grata a Dio e felice che i soccorritori abbiano trovato mio figlio e gli altri bambini” racconta la mamma.

“Sono così felice di averlo visto, anche semplicemente sullo schermo del telefono di uno dei soccorritori. Grazie a tutti coloro che hanno pregato per noi e per i ragazzi”.

Il direttore del locale centro Compassion aggiunge: “Voglio ringraziarvi per tutte le vostre preghiere, ora sappiamo che i ragazzi sono al sicuro. Sono davvero grato a Dio e so che riusciranno a uscire in sicurezza”.

Le squadre di soccorso hanno iniziato a rimuovere l’acqua dalla grotta allagata, ma credono che i ragazzi dovranno imparare a immergersi e nuotare per mettersi in salvo. Questo sarà un processo lungo che potrebbe richiedere mesi.

Tailandia: la grotta dove sono intrappolati i ragazzi

Tailandia: squadre di soccorso

Le squadre di soccorso lavorano dal 23 giugno per localizzare i ragazzi.

I marines arrivano alla grotta per soccorrere i ragazzi

I marines arrivano alla grotta per soccorrere i ragazzi.

Surayut, ex studente Compassion, è stato uno dei primi a denunciare la scomparsa dei ragazzi

Surayut Puengpadung, giovane ex studente Compassion e volontario della squadra di soccorso, è stato uno dei primi a denunciare la scomparsa dei ragazzi ed è stato uno dei primi a entrare in acqua per cercare i ragazzi.

“Per favore, pregate per tutte le squadre di soccorso”, dice Surayut. “Stiamo lavorando duramente ed è molto pericoloso. L'acqua scorre veloce e ci sono forti correnti”.

Le chiese del distretto di Chiang Rai si sono incontrate per pregare per la vita di questi ragazzi e del loro allenatore. Alcune strutture del centro Compassion sono anche utilizzate come base per la ricerca

Tailandia: moglie di un pastore di una chiesa partner di Compassion

“Quando ci è stato chiesto di aiutare, abbiamo subito accettato di fare la nostra parte offrendo i nostri spazi ai soccorritori” racconta la moglie di un pastore, responsabile di uno dei nostri centri Compassion nel villaggio di Mhong.

La mamma di uno dei ragazzi prega per il loro ritorno

La mamma di uno dei ragazzi prega per il loro ritorno.

Restiamo uniti, continuiamo a pregare per i ragazzi, il loro allenatore, le famiglie e le squadre di soccorso nei prossimi mesi!

 
I cookie permettono di migliorare la tua navigazione sul sito di Compassion. Utilizzando il sito, accetti l'uso dei cookie in base alle nostre linee guida. Per maggiori informazioni, leggi la informativa estesa.
Accetto i cookie:

EU Cookie Directive Module Information