5 motivi: perché il COVID-19 colpisce di più i poveri?

Durante una pandemia come quella del COVID-19, i poveri sono colpiti in modo maggiore. Sono tra i più vulnerabili. Scopri perché e come aiutarci.

Per i bambini e le famiglie che vivono in povertà, il distanziamento fisico e l’accesso a cure mediche possono essere difficili, talvolta impossibili. Durante la pandemia COVID-19, i poveri sono dunque i più vulnerabili.

Purtroppo, il COVID-19 non è la prima o l’unica pandemia nella storia dell’uomo. Negli ultimi 100 anni, pandemie come il colera, l’HIV e l’AIDS hanno colpito la popolazione di tutto il pianeta.

Le malattie infettive possono essere trasmesse a tutti, senza distinguere reddito o etnia, ma le conseguenze sociali, economiche e fisiche sono più gravi per chi vive in povertà.


1. I poveri sono più esposti ai rischi

Per la maggior parte di noi, le misure di distanziamento fisico hanno aggiunto difficoltà alla vita quotidiana, ma molte famiglie dei Paesi in via di sviluppo non hanno un posto sicuro in cui “restare a casa”.

Per milioni di persone che vivono nelle baraccopoli, distanziarsi dagli altri è praticamente impossibile e “restare a casa” è altrettanto rischioso.


Covid-19 e povertà


Bathati e la sua famiglia vivono in una piccola casa di fango nei bassifondi di Arusha, in Tanzania. Tra queste misere mura, gli unici arredi sono un letto e una piccola credenza.

Per lavarsi e cucinare, Bathati e i suoi bambini usano degli spazi comuni con gli altri abitanti della baraccopoli.

Immagina di vivere in queste condizioni: di sicuro non ti meraviglia sapere che le malattie si trasmettono più facilmente in zone come queste.

Chi vive in povertà deve affrontare anche un altro problema: l’accesso all’acqua. Chi non ha acqua pulita, non può avere una buona igiene. E come abbiamo visto durante la pandemia del COVID-19, lavarsi le mani frequentemente è una strategia efficace per ridurne la diffusione.

Abbiamo lanciato una campagna per aiutare i bambini, le famiglie e le comunità più vulnerabili. Scopri come puoi donare sicurezza igienica, alimentare e abitativa durante la pandemia.

Dona al Fondo Emergenza Covid


2. L’accesso alle cure mediche è limitato

Durante una pandemia, le lacune nei servizi sanitari sono più evidenti che mai. Quando malattie come il COVID-19 colpiscono una comunità, l’assistenza medica è fondamentale, ma per le persone che vivono in povertà questo è un problema.


Covid-19 e povertà


Per i più poveri, rinunciare a una giornata di lavoro per poter ricevere cure mediche è una scelta molto difficile.

Nei Paesi in via di sviluppo, molte cure mediche sono a pagamento. A causa dell’assenza di un sistema sanitario pubblico, chi vive in povertà non può permettersi visite e cure.


3. Senza reddito, le famiglie rischiano la fame

Nel mondo, i più poveri svolgono lavori instabili, spesso senza diritti.

Chi dipende da un lavoro “a giornata” per mettere un po’ cibo sulla tavola, le misure di distanziamento sociale stanno prosciugando il lavoro e le entrate, lasciando alle famiglie una scelta impossibile: rimanere a casa o nutrire i propri figli.

Secondo il World Food Program, 135 milioni di persone erano a rischio di morte per mancanza di cibo alla fine del 2019. Ma ora, è probabile che questo numero possa raddoppiare entro un anno.

Il COVID-19 aggrava un’emergenza alimentare per milioni di persone, aggiungendosi a difficoltà già presenti. Miliardi di locuste si stanno già diffondendo in Africa, Medio Oriente e Asia meridionale, decimando le colture.

In paesi come il Kenya e l'Uganda, la perdita dei raccolti destabilizza ulteriormente la sicurezza alimentare e la fornitura di eventuali aiuti è resa più difficile dalle norme di blocco legate al COVID-19. Famiglie e bambini già sull'orlo della fame rischiano sempre più.


Covid-19 e povertà


Hamelma e i suoi bambini vivono in Etiopia, uno dei Paesi più colpiti dalla fame. Lo scoppio di COVID-19 l'ha resa sempre più preoccupata per il futuro dei suoi figli.

“Osservavo le persone benestanti. Loro potevano comprare grandi scorte di cibo, ma io no. Il prezzo degli alimenti sta aumentando sempre più e avere qualcosa da mangiare diventa sempre più difficile”

Aiuta i nostri operatori Compassion a sostenere donne come Hamelma. Dona ora per aiutare i bambini, le famiglie e le comunità più vulnerabili colpite da COVID-19.


4. Donne e bambini sono colpiti maggiormente

Le persone che vivono in povertà sono le più colpite durante la pandemia, ma tra i più poveri, le donne e i bambini affrontano vulnerabilità ancora maggiori.

Nei villaggi rurali dei Paesi in via di sviluppo, le donne hanno la responsabilità di provvedere al cibo per la loro famiglia. Queste richiede di recarsi nei mercati di strada, dove aumenta il rischio di contagio.

Inoltre, tocca alle donne e ai bambini percorrere lunghe distanze per raccogliere l’acqua dai pozzi. In tutto il mondo, le donne trascorrono complessivamente 200 milioni di ore al giorno per provvedere alle scorte d’acqua.


Covid-19 e povertà


La mancanza di denaro e cibo può spingere molte famiglie a dare in spose le loro bambine, come unica via d'uscita dalla povertà. Molte ragazze che si sposano prima dei 15 anni hanno quasi il 50% in più di probabilità di subire violenza fisica o sessuale.

Le pandemie o le emergenze aumentano inoltre l'incidenza della violenza di genere. I periodi di quarantena possono costringere donne e ragazze a condividere lunghi periodi con partner o familiari violenti.


5. Le pandemie possono aggravare la povertà

Chi vive in povertà è più esposto al rischio di contagio. Ma una pandemia può, al tempo stesso, perpetuare e persino aumentare i livelli di povertà – sia a breve che a lungo termine.


Covid-19 e povertà


Secondo recenti studi del World Institute for Development, mezzo miliardo di persone rischia di finire in povertà a causa del COVID-19. Questo potrebbe riportare i livelli di povertà dei Paesi in via di sviluppo al livello di 30 anni fa.


Come puoi aiutarci?

Durante una pandemia come quella del COVID-19, i più poveri sono maggiormente colpiti da malattie e difficoltà.

Grazie ai nostri operatori locali e alla presenza di chiese partner, possiamo continuare a fornire cure, assistenza, scorte di cibo e tutto il necessario ai bambini più vulnerabili e alle loro famiglie. Per questo, il tuo sostegno è più importante che mai.

Dona al Fondo Emergenza Covid

Articoli recenti

Ogni mese, le storie più belle nella tua email

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2020 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 2 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful