Brasile: Aurora scrive la sua nuova storia

I ricordi degli abusi infantili sono ancora dolorosi, ma dopo aver trovato un rifugio sicuro al centro Compassion, Aurora ha scoperto l'amore di Dio e il suo cuore sta guarendo.

Brasile: Aurora scrive la sua nuova storia


Ero molta ansiosa prima di incontrare Aurora* (pseudonimo per proteggere la sua identità). Conoscevo la sua storia e sapevo che un suo parente aveva abusato di lei quando era bambina.

Oggi Aurora è un'adolescente, ma quando mi ha tenuto la mano, potevo ancora vedere i segni del suo autolesionismo sul suo polso. Quali sono le parole giuste da dire quando è difficile comprendere il dolore di chi ti è davanti?

Quando sono entrata nella sua camera, ho letto le frasi che aveva incollato al muro: Sei bella. Sei meravigliosa. Sei forte.


Brasile: Aurora scrive la sua nuova storia


Fu da queste frasi che iniziò la nostra conversazione.


La storia di Aurora, raccontata da lei

Quando mi affaccio alla finestra, vedo il mio quartiere. Ricordo la prima morte a cui abbia mai assistito: un uomo ucciso in strada mentre lavorava. Scene come questa dimostrano che non è il posto migliore dove vivere.


Brasile: Aurora scrive la sua nuova storia


La mia infanzia è stata traumatica. Mia madre mi ha partorito quando aveva 14 anni. Non le piaceva prendersi cura di me. Passava settimane senza venirmi a trovare. Ogni volta che tornava, la pregavo di non andarsene ma non mi ha mai ascoltato.

Oggi mi dice che, nonostante tutto quello che mi è successo, sono benedetta ad avere persone che si prendono cura di me e mi sostengono, come le volontarie del centro Compassion, perché lei non aveva nessuno che la proteggesse.


Brasile: Aurora scrive la sua nuova storia


A 10 anni non sapevo ancora leggere né scrivere. Cercai di imparare a scuola, ma decisi di smettere perché non riuscivo. È stato grazie al centro Compassion se ho imparato a leggere. Me l’ha insegnato Talia, la direttrice del centro. La lettura è ora uno dei miei hobby preferiti.

A 12 anni, poco prima della pandemia, iniziai a soffrire di depressione; quindi, andai da mia madre per un po'. Pensavo che le cose sarebbero migliorate, ma tutto peggiorò.


Brasile: Aurora scrive la sua nuova storia


Preoccupati per la mia salute mentale, i volontari del centro mi aiutarono con sessioni di terapia settimanali, grazie alle quali riuscivo a esprimere il dolore che c’era dentro di me.

A pensarci bene, tutti i miei bei ricordi d'infanzia sono legati al centro Compassion. Era l’unico posto in cui mio fratello ed io giocavamo. I volontari erano al nostro fianco con tante attività divertenti. Ed è stato lì, al centro, che cominciai a conoscere l'amore di Dio.

Tuttavia, i bei ricordi non bastano per superare un trauma. Mi incolpavo di tutto e provavo risentimento.


Brasile: Aurora scrive la sua nuova storia


Oggi ne sono pentita, ma incolpai persino Dio per tutto quello che mi era successo. Guardavo fuori dalla finestra di casa e desideravo saltare giù. Volevo scomparire.

Un giorno, decisi che quello sarebbe stato davvero il mio ultimo giorno. Scrissi messaggi di addio ad alcuni amici e ringraziai Talia per tutto quello che aveva fatto per me.

Dopo alcuni giorni in ospedale, vedendo intorno a me i volontari di Compassion, qualcosa cambiò. In un modo che non so spiegare, compresi che Dio mi aveva dato una seconda possibilità di vita, per scrivere la mia nuova storia.


Brasile: Aurora scrive la sua nuova storia


Oggi, quando penso alla vita, penso a Dio e a tutto ciò che Lui è per me. Prima di incontrare Dio, non credevo nell’amore. Ora credo nell'amore, perché Dio è amore. Ho imparato che per amare il mio prossimo, devo imparare ad amare me stessa.

Oggi, quando mi tornano in mente i miei tristi ricordi, prego e ogni giorno Dio cambia qualcosa in me. Prima vedevo il mondo con occhi tristi, ma ora lo vedo con speranza. Dio mi dà speranza e mi fa credere che posso realizzare i miei progetti.

Il mio obiettivo è donare futuro migliore a mia madre e ai miei fratelli. Voglio studiare – magari psicologia – ed essere in grado di aiutare altre persone. Non voglio rimanere incinta presto come la maggior parte delle ragazze del quartiere.


Brasile: Aurora scrive la sua nuova storia


So che il futuro che Dio ha in serbo per me è più bello delle ombre del mio passato.

Testo e foto di Sara Navarro – Compassion Brasile


Aiutaci con una donazione


Sostieni a distanza una bambina

Grazie al sostegno a distanza aiuterai i nostri operatori e i volontari delle chiese locali a prendersi cura delle vite delle bambine a rischio che vivono in povertà.

Sostieni a distanza: insieme a te, possiamo fare la differenza.

Sostieni una bambina, ora

Articoli recenti

Ogni mese, le storie più belle nella tua email

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2024 Compassion Italia ETS - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 2 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful