Brasile: come nascono i sogni?

Luís e i suoi fratelli sognano di diventare calciatori, come tanti bambini brasiliani. Per chi vive in povertà questo sogno è difficile, ma il talento di Luís è riconosciuto da tutto il quartiere. Tutto è possibile!

Brasile: come nascono i sogni?


Se camminassi per le strade di un qualsiasi paesino del Brasile, soprattutto nelle zone più povere, vedresti sicuramente dei bimbi che giocano a calcio. In ogni villaggio, bambini e adolescenti si ritrovano ogni pomeriggio dopo la scuola per giocare. Scalzi o con le scarpe che cadono a pezzi, tutti giocano con lo stesso entusiasmo di chi partecipa ai mondiali di calcio.

Si dice che i brasiliani siano tifosi per natura. Da Neymar e Cristiano Ronaldo a Haaland e Son Heung Min, i bambini conoscono la storia di ogni giocatore di ogni squadra. I calciatori sono i riferimenti per la maggior parte dei ragazzi.


Brasile: come nascono i sogni?


Soprattutto nei quartieri poveri, privi di opportunità, diventare un calciatore famoso sembra il modo migliore per sfuggire alla povertà.

Per quasi tutti, però, questo sogno non si realizza mai.


Come nascono i sogni

Ogni notte, Luís e i suoi tre fratelli si sistemano nel piccolo soggiorno per dormire. La loro casa ha solo una camera da letto, dove dormono i genitori e la sorellina. Come la maggior parte dei ragazzi, anche il sogno di Luís e dei suoi fratelli è quello di diventare calciatori.


Brasile: come nascono i sogni?


Il talento di Luís, però, è noto a tutto il quartiere. La gente lo chiama "il ragazzo che gioca bene". Un giorno, le sue abilità calcistiche attirarono l'attenzione dell'allenatore di una squadra locale, che lo invitò ad allenarsi nella sua scuola di calcio.

Sua madre, Francisca, inizialmente dubitava di come avrebbe potuto sostenere il sogno del figlio, data la povertà della famiglia. Ma ha deciso che il sogno di suo figlio sarebbe stato anche il suo sogno.


Brasile: come nascono i sogni?


Per Luís, allenarsi in una vera squadra è diventato il primo passo verso il suo grande sogno.

Più che diventare famoso, il sogno di Luís è offrire una vita migliore alla sua famiglia.

"Voglio essere un grande giocatore e dare ai miei genitori e ai miei fratelli una vita migliore. Il mio sogno è comprare una casa dove poter vivere con loro in tutta comodità e gioia. Una casa in cui ognuno ha la propria stanza e il proprio letto", dice Luís.


Brasile: come nascono i sogni?


Come muoiono i sogni

Il sogno di Francisca da bambina era quello di diventare un agente di polizia ma, come la maggior parte dei bambini del suo quartiere, le difficoltà della vita hanno messo fine ai suoi sogni.

Attualmente Francisca si prende cura dei bambini e della sua casa, mentre il marito lavora come muratore. Francisca affronta la frustrazione di non riuscire a sostenere i sogni di tutti i suoi figli.


Brasile: come nascono i sogni?


Francisca e Luís sanno che, nonostante i loro sforzi, diventare un giocatore professionista non è facile per nessuno, tanto più per persone nate in povertà come loro. Ma sanno anche che non rinunceranno mai al diritto di sognare.


I sogni diventano realtà

Tre dei quattro figli di Francisca sono sostenuti a distanza al centro Compassion. Vengono accuditi e protetti dalle cattive influenze. Francisca sa di poter sempre contare sul sostegno del centro nei giorni difficili, soprattutto quelli in cui non ha nulla da mettere nei piatti.

"I miei figli tornano sempre a casa cantando lodi a Dio. So che è Dio che ci dà la forza di vivere ogni giorno", dice Francisca.


Brasile: come nascono i sogni?


Con l'aiuto del centro Compassion e dei sostenitori, Francisca e i suoi figli sanno di non essere soli. Compassion e la chiesa li incoraggiano e danno forza a tutta la famiglia.

Luís e la sua famiglia continuano a sognare in un contesto che insiste nel farli arrendere. Non sanno se tutti i loro sogni si realizzeranno, ma continuano a sperare perché, di fronte alla povertà, sognare è già una conquista straordinaria.


Brasile: come nascono i sogni?


Ogni giorno confidano che i sogni che Dio ha per loro siano migliori e che non saranno mai abbattuti.


Sostieni a distanza un bambino

Grazie al sostegno a distanza aiuterai i nostri operatori e i volontari delle chiese locali a prendersi cura delle vite dei bambini che vivono in povertà.

Sostieni a distanza: insieme a te, possiamo fare la differenza.

Sostieni un bambino, ora

Articoli recenti

Ogni mese, le storie più belle nella tua email

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2024 Compassion Italia ETS - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 2 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful