Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto

Dopo il devastante terremoto del 14 agosto 2021, bambini e ragazzi di Haiti condividono qualcosa di straordinario: la speranza.

Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto


Haiti ha conosciuto la devastazione. Anche per un popolo famoso per la sua forza, gli ultimi 12 mesi sono stati durissimi. Eppure, nel primo anniversario del terremoto del 14 agosto, i bambini di Haiti vogliono condividere la loro speranza.


Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto


Questa è la nuova generazione ad Haiti. Hanno sopportato l’impensabile, ma hanno un amore incredibile per il loro paese e la sua gente, mentre sognano un futuro migliore.

Da un bambino di otto mesi che guarda il mondo con occhi spalancati ai ragazzi che si avvicinano all’età adulta, scopri la generazione di speranza di Haiti.


1. “Siamo un popolo forte” (Altimé e sua figlia Nerlande, 8 mesi)

Essere forti significa saper affrontare il dolore e i momenti difficili con coraggio. Nell'ultimo anno abbiamo superato tante difficoltà: le insicurezze, i rapimenti, la pandemia e il terremoto.


Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto

Non è stato facile ma siamo vivi, grazie a Dio. Lo posso affermare chiaramente: se Compassion non ci avesse aiutato, non so come avremmo aiutato i nostri figli.

Nella mia comunità, nulla è semplice. Troppe persone non hanno lavoro e questo ci obbliga a vivere in povertà. Quando Nerlande crescerà, vorrei che facesse l'infermiera. Credo che Dio esaudirà il mio sogno.


2. “Dio non ci deluderà” (Woodnie, 4 anni)

Vivo a Picot. È un luogo bellissimo. Abbiamo solo bisogno di aiuto. L'anno scorso è stato difficile. Ho pregato e sperato che Dio ci aiutasse. Essere forti non è facile, ma la chiesa e Compassion ci hanno aiutato nei momenti difficili, dandoci scorte di cibo.


Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto

Per me, la speranza vuol dire credere e pregare. Dio non può deluderci. Voglio vedere Picot ricostruita dopo il terremoto.

Un giorno voglio aiutare i miei genitori. Voglio essere un medico!


3. “Il mio sogno è vedere il successo per tutti” (Lovinsky, 10 anni)

Vivo a Camp Perrin. Adoro il mio villaggio e tutti quelli che lo abitano. Nell’ultimo anno, Compassion ci ha aiutato a essere forti, pregando con noi. Non ci hanno mai fatto mancare il cibo e ci stanno ricostruendo la casa dei miei genitori, distrutta dal terremoto.


Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto

Ho pregato e Dio mi ha dato la forza. Essere forti non significa non cadere mai, ma rialzarsi dopo una caduta.

Per me, speranza significa volere che qualcosa accada. Il mio sogno per la mia comunità è vedere il successo per tutti. Voglio essere un ingegnere, per aiutare le persone intorno a me.


4. “Amo Haiti perché siamo forti” (Ricardo, 18 anni)

Amo Haiti perché siamo un popolo forte. Il mio sogno è vedere Haiti come le altre nazioni: dovrà essere un Paese bello e sicuro in cui vivere.


Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto


Essere forti significa non mollare mai. Nell'ultimo anno mi sono sentito debole, ma ho pregato che Dio mi desse forza. Compassion ha aiutato la mia famiglia, ha ricostruito la nostra casa e ci ha dato tutto ciò di cui avevamo bisogno.

Speranza è desiderare che le cose migliorino in futuro.

Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto


Sono emozionato all’idea di potermi diplomare, per diventare ingegnere e ricostruire la mia comunità.


5. “Dopo ogni momento buio, il sole sorgerà di nuovo” (Islande, 19 anni)

Il 2021 è stato difficile per me. Ho perso mia sorella durante il terremoto. Questo mi rende triste ma cerco di convivere con la sua mancanza, chiedendo a Dio di darmi forza. Per essere forti bisogna avere coraggio.


Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto

Compassion, per me, è stata una manna dal cielo. Mi hanno sostenuto con amore, insegnandomi la Bibbia e aiutando la mia famiglia al 100%.

La mia comunità è forte. Ci aiutiamo a vicenda e viviamo come una famiglia. Il mio sogno è vedere Haiti sorridere, perché abbiamo sofferto troppo. Voglio essere un medico che si prende cura di ogni bambino.


Haiti: speranza, un anno dopo il terremoto


La speranza, per me, è pregare e aspettare. Dio può fare ogni cosa e questo mi dà speranza: dopo ogni momento buio, il sole sorgerà di nuovo!


Sostieni a distanza un bambino di Haiti

Grazie al sostegno a distanza aiuterai i nostri operatori e i volontari delle chiese locali a prendersi cura delle vite dei bambini che vivono in povertà, anche ad Haiti.

Sostieni a distanza: insieme a te, possiamo fare la differenza.

Sostieni un bambino, ora

Oppure, aiutaci con una donazione. Grazie per il tuo prezioso aiuto!

Articoli recenti

Ogni mese, le storie più belle nella tua email

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2022 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 2 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful