Burkina Faso

A Compassion siamo felici di lavorare a favore dei bambini e fare la differenza nelle comunità più povere dei Paesi in via di sviluppo.

Ognuna di queste nazioni ha la sua storia e la sua cultura e, al tempo stesso, ognuna di esse affronta particolari sfide e problemi. Quindi, mettiti comodo e scopri di più insieme a noi sul Burkina Faso!

Dati e statistiche

Capitale: Ouagadougou
Popolazione: 18,36 milioni
Scolarizzazione popolazione adulta: uomini 36,7%, donne 21,6%
Accesso a fonti d’acqua: in città 97,5%, in campagna 75,8%
Aspettativa di vita: uomini 52,77, donne 56,85
Religione: islam 60,5%, cattolicesimo 19%, spiritismo 15,3%, protestantesimo 4,2%
Mortalità infantile: 7,68% (prima di aver compiuto 1 anno)
Popolazione al di sotto della soglia di povertà: 46,7%

Compassion in Burkina Faso

Burkina Faso, adozione a distanza

Anno inizio programmi: 2004
Bambini nel programma di adozione a distanza: oltre 50.390
Bambini sostenuti dall’Italia: più di 580
Numero di centri per lo sviluppo infantile: 190

4 fatti sul Burkina Faso

  1. In base all’Indice di Sviluppo Umano (dati 2013), il Burkina Faso è uno dei Paesi meno sviluppati d’Africa
  2. Solo un terzo dei burkinabè è in grado di leggere e scrivere in modo autonomo: è uno dei tassi di alfabetizzazione più bassi al mondo
  3. In Burkina Faso è tradizionalmente molto diffusa la mutilazione genitale femminile: il 76% delle donne e ragazze ne è vittima, anche se i numeri stanno calando negli ultimi anni
  4. Un tempo nota come Alto Volta, è stata rinominata Burkina Faso (Paese degli uomini alti) nel 1984

Come si dice? Impara la lingua!

Il francese è la lingua ufficiale del Burkina Faso (introdotto nel periodo coloniale), a cui si affiancano circa 70 dialetti locali.

  • Bonjour (Buongiorno)
  • Au revoir (Arrivederci)
  • Je m’appelle (Io mi chiamo)
  • Merci beaucoup (Grazie)
  • Dieu te bénisse (Dio ti benedica)
  • Comment vas-tu? (Come stai?)
  • Je vais bien (Io sto bene)

Informazioni utili

Le gravi condizioni di salute degli abitanti sono un ostacolo significativo per lo sviluppo del Burkina Faso. Circa il 36% dei bambini soffre di ritardi nella crescita, una condizione spesso irreversibile causata da malnutrizione cronica durante la prima infanzia.

L’incidenza di malaria, infezioni respiratorie e diarrea è molto alta. Negli ultimi anni, il Paese ha dovuto affrontare epidemie di meningite, febbre gialla e colera.

Più di 140.000 bambini sono rimasti orfani a causa di HIV/AIDS. Il Burkina Faso è il Paese con il più alto tasso di mortalità infantile tra tutti quelli in cui operiamo: ogni 1.000 bambini, 77 muoiono entro il primo anno.

Il 90% della popolazione è impiegato in agricoltura di sussistenza, settore vulnerabile alla siccità periodica, alle inondazioni, e in tempi recenti, alla piaga delle locuste.

Con il 46% della popolazione con un’età inferiore a 14 anni, l’estrema povertà del Burkina Faso ha portato a una elevata percentuale di bambini vittime di traffico internazionale di minori.

Nel 2005 vennero smantellate 5 grandi reti di traffico di esseri umani e 555 bambini vennero restituiti alle loro famiglie. Grazie agli sforzi internazionali per combattere il problema, il traffico di minori in Burkina Faso sta diminuendo negli ultimi anni.

Il Burkina Faso (ex Alto Volta) ottenne l’indipendenza dalla Francia nel 1960. Una sfida importante avvenne nel 1983, quando il capitano Thomas Sankara prese il potere, adottando politiche radicali di sinistra e ribattezzò il Paese Burkina Faso.

Nel 1987 il presidente Sankara fu rovesciato e ucciso in un colpo di stato dal suo ex alleato Blaise Compaore, che rimase al potere fino alla fine del 2014.

Il Burkina Faso ha affrontato difficoltà interne ed esterne a causa dello stato della sua economia e dei diritti umani. Il Paese è stato coinvolto nel contrabbando dei diamanti dai ribelli in Sierra Leone.

I problemi nella vicina Costa d’Avorio hanno causato tensioni con le autorità ivoriane; quest’ultime accusano il Burkina Faso di fomentare ribellione tra la popolazione nel nord.

Il Burkina Faso si trova vicino all’Equatore e offre un clima tropicale con inverni caldi e secchi ed estati calde e umide.

Giugno e luglio e il periodo tra novembre a febbraio sono considerati momenti ideali per viaggiare in Burkina Faso a causa del clima più fresco.

La cucina burkinabè si basa su alimenti semplici come riso, mais, miglio, noci, patate, fagioli, montone, pollo, manzo e pesce. A causa del clima caldo, il latte inacidisce rapidamente.

Il piatto più noto è il saghbo, a base di pasta di miglio, sorgo o mais, servito con una salsa di verdure (pomodori, peperoni e carote) e carne di pecora o di capra.

Burkina Faso: Aboubakar, un bambino col cuore per gli altri

Burkina Faso, adozione a distanza per Aboubakar

Aboubakar ha sei anni e vive in una delle zone più povere del Burkina Faso. Non c'è acqua corrente, manca l’elettricità e la malaria è una malattia comune. Insieme ai suoi genitori vive in un piccola casa costruita con mattoni di fango e legno.

Per la mamma e il papà, pagare le tasse scolastiche e le medicine di Aboubakar era un grande problema e fonte di preoccupazione. Così, quando Aboubakar venne iscritto al programma di adozione a distanza di Compassion, iniziò ad andare a scuola, imparando a conoscere le basi di una corretta igiene.

Al centro Compassion mangia cibo nutriente e, grazie al supporto amorevole del suo sostenitore, il futuro di Aboubakar è pieno di speranza.

Aboubakar è solo un bambino, ma ha a cuore le condizioni degli altri piccoli: “Ogni volta che vado al centro la cosa che mi piace di più è condividere il mio cibo con gli altri bambini” racconta con il suo sorriso felice.

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2018 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 1.8 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful