Colombia

A Compassion siamo felici di lavorare a favore dei bambini e fare la differenza nelle comunità più povere dei Paesi in via di sviluppo.

Ognuna di queste nazioni ha la sua storia e la sua cultura e, al tempo stesso, ognuna di esse affronta particolari sfide e problemi. Quindi, mettiti comodo e scopri di più insieme a noi sulla Colombia!

Dati e statistiche

Capitale: Bogotà
Popolazione: 46,24 milioni
Scolarizzazione popolazione adulta: uomini 93,6%, donne 93,7%
Accesso a fonti d’acqua: in città 96,9%, in campagna 73,6%
Aspettativa di vita: uomini 72 anni, donne 78 anni
Religione: cattolicesimo 90%, altre fedi 10%
Mortalità infantile: 1,95% (prima di aver compiuto 1 anno)
Popolazione al di sotto della soglia di povertà: 32,7%

Compassion in Colombia

Colombia, adozione a distanza

Anno inizio programmi: 1974
Bambini nel programma di adozione a distanza: oltre oltre 67.400
Bambini sostenuti dall’Italia: più di 370
Numero di centri per lo sviluppo infantile: 248

4 fatti sulla Colombia

  1. Il nome Colombia deriva dall’esploratore Cristoforo Colombo. Il Paese fu stato colonizzato dalla Spagna nel 16° secolo
  2. La Colombia è il quarto Paese del Sud America per estensione e una delle nazioni più popolose del continente
  3. La Colombia è il secondo produttore al mondo di foglie di coca, l’ingrediente grezzo da cui si ricava la cocaina
  4. Il conflitto di oltre 50 anni tra governo e Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC) è stato uno dei più lunghi e sanguinosi dell’America Latina

Come si dice? Impara la lingua!

Lo spagnolo è la lingua ufficiale della Colombia, ma all’interno del paese si parlano oltre 70 lingue indigene.

  • ¡Hola! (Ciao!)
  • ¡Adiós! (Arrivederci!)
  • Mi nombre es (Mi chiamo)
  • ¿Cómo estás? (Come stai)
  • Estoy bien (Sto bene)
  • Gracias (Grazie)
  • Dios te bendiga (Dio ti benedica)

Informazioni utili

Una delle più gravi crisi della Colombia deriva da cinque decenni di conflitto armato tra governo, gruppi armati e milizie. Le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC) furono in lotta contro l’esercito regolare dal 1964.

Oltre un decennio fa, le FARC controllavano quasi un terzo del territorio colombiano. La popolazione è stata vittima di questa violenta guerra civile, con oltre 3,6 milioni di persone sfollate dagli anni 2000 (soprattutto donne e bambini). La maggior parte degli sfollati vivono in baraccopoli delle grandi città, altri sono fuggiti dal Pese per sfuggire alla violenza, emigrando soprattutto in Ecuador.

Anche se la criminalità connessa alla droga e al sequestro di persona sta diminuendo, è ancora un problema quotidiano molto grave.

Un terzo dei bambini colombiani soffre di anemia e circa il 13% per cento dei bambini sotto i cinque anni soffre di moderata o grave ritardo della crescita, una condizione spesso irreversibile causata da malnutrizione cronica durante la prima infanzia.

9% dei bambini di età compresa tra 5 e 14 anni è coinvolto nel lavoro minorile, che nega loro la possibilità di vivere un’infanzia serena e frequentare la scuola con regolarità.

La Colombia, come repubblica, nasce dal crollo della Gran Colombia nel 1830 anche se la sua genesi nazionale si ritrova nel periodo coloniale (1492 – 1810). In quel periodo erano presenti i colonizzatori spagnoli, gli indigeni e gli africani importati come schiavi.

Alimentato dal traffico di droga, il conflitto con i gruppi di di guerriglieri delle FARC è stato uno dei più sanguinosi dell’America Latina. Nel 2016, dopo 50 anni di ostilità, il governo e le FARC hanno stipulato un accordo di pace: più di 31.000 guerriglieri hanno abbandonato le armi.

La Colombia sta attraversando un periodo di trasformazione, con grandi passi avanti nel ripristino della sicurezza e della stabilità e avanzando le politiche che hanno portato a un significativo progresso sociale.

La Colombia si trova vicina all’Equatore, ma il suo clima non è solo tropicale. Bogotá e Medellin sono altopiani tropicali dove il clima è fresco (freddo di notte). Cartagena, sulla costa colombiana, ha un clima molto caldo.

Il cibo in Colombia si ispira alla cucina indigena e spagnola. I piatti più comuni includono carne e pesce accompagnati da riso o patate; i pasti si concludono generalmente con un dessert dolce. Il caffè è una bevanda molto popolare in Colombia e di solito si beve con molto zucchero e poco latte.

Sara: una bambina che vive in Colombia

Colombia: adozione a distanza per Sara

Sara, 8 anni, vive in una piccola casa con la madre Ana, il papà Gheiner e il fratellino Isaac. Fino a poco tempo fa vivevano in una casa più spaziosa, distrutta purtroppo da una frana. Il papà, idraulico, non riesce a guadagnare abbastanza per far fronte alla ricostruzione.

Nel villaggio in cui vive Sara non ci sono ospedali: occorre viaggiare a lungo quando c’è bisogno di cure. È una zona pericolosa, afflitta da furti e violenze.

Nonostante le difficili condizioni del luogo, Compassion ha avviato un centro locale grazie alla collaborazione con una chiesa locale.

Sara è iscritta al programma di adozione a distanza da due anni: ama partecipare alle attività del centro, un luogo sicuro e tranquillo per tutti i bambini com lei. Le piace trascorrere il tempo giocando con gli amici, imparando a leggere la Bibbia e realizzando prodotti artigianali.

“Sara ama raccontarmi le storie che impara al centro” racconta la mamma. “Inoltre, ogni volta che riceve una lettera dal suo sostenitore è felice di leggerla insieme a me. Sono grata a Dio per il sostegno che riceve la mia bambina, sono certa che il suo futuro sarà felice”.

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2018 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 1.8 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful