Brasile

A Compassion siamo felici di lavorare a favore dei bambini e fare la differenza nelle comunità più povere dei Paesi in via di sviluppo.

Ognuna di queste nazioni ha la sua storia e la sua cultura e, al tempo stesso, ognuna di esse affronta particolari sfide e problemi. Quindi, mettiti comodo e scopri di più insieme a noi sul Brasile!

Dati e statistiche

Capitale: Brasilia
Popolazione: 202,65 milioni
Scolarizzazione popolazione adulta: uomini 90,1%, donne 90,7%
Accesso a fonti d’acqua: in città 99,7%, in campagna 85,3%
Aspettativa di vita: uomini 69 anni, donne 77 anni
Religione: cattolicesimo 64,6%, protestantesimo 22,2%, spiritismo 2,2%
Mortalità infantile: 1,95% (prima di aver compiuto 1 anno)
Popolazione al di sotto della soglia di povertà: 22%

Compassion in Brasile

Brasile, adozione a distanza

Anno inizio programmi: 1987
Bambini nel programma di adozione a distanza: oltre oltre 36.200
Bambini sostenuti dall’Italia: più di 370
Numero di centri per lo sviluppo infantile: 186

4 fatti sulla Brasile

  1. Il Brasile è la nazione più urbanizzata in cui operiamo con i centri Compassion.
  2. È il Paese più vasto e popoloso del Sud America e il quinto al mondo per numero di abitanti.
  3. Il Brasile è la seconda nazione al mondo per consumo di cocaina, dopo gli Stati Uniti.
  4. Le città più grandi sono Rio de Janeiro e San Paolo: un terzo della popolazione vive nelle favelas.

Come si dice? Impara la lingua!

In Brasile, il portoghese è la lingua ufficiale. Il paese è stato meta di emigrazione da tutto il mondo e sono ancora diffuse molte lingue europee (tra cui tedesco o italiano). Utilizza queste semplici frasi in portoghese per scrivere al tuo bambino.

  • Olá! (Ciao!)
  • Até logo (A presto)
  • Eu me chamo (Io mi chiamo)
  • Obrigado (Grazie)
  • Deus te abençoe (Dio ti benedica)
  • Tudo bom? (Come stai?)
  • Tudo bem (Io sto bene)

Informazioni utili

Con oltre 200 milioni di abitanti, il Brasile è il Paese più popoloso dell’America Latina. La maggioranza delle persone vivono in città industriali come San Paolo e Rio de Janeiro.

La rapida crescita della popolazione urbana ha creato gravi problemi sociali, ambientali e politici, con milioni di persone che vivono nelle baraccopoli e nelle strade.

I bambini di strada sono facili vittime di prostituzione e violenza. La prostituzione minorile, in particolare, è in aumento nelle aree frequentate da turisti stranieri – tra cui Rio de Janeiro, Recife e Fortaleza.

Nonostante i progressi negli ultimi dieci anni, in Brasile rimane un ampio divario tra ricchi e poveri. Nelle regioni rurali del paese, l’alfabetizzazione, la sopravvivenza infantile e l’accesso a fonti d’acqua sono ben al di sotto della media nazionale. Solo il 49% degli abitanti delle zone rurali accede a servizi igienici adeguati, rispetto al 87% nelle grandi città.

Il Brasile è il secondo consumatore di cocaina al mondo e ricopre un importante ruolo nel traffico di cocaina boliviana, colombiana e peruviana verso l’Europa. A questo è corrisposto un aumento della violenza e del contrabbando di armi.

La popolazione brasiliana è composta da sei etnie principali: i portoghesi, che hanno colonizzato il Brasile nel 16° secolo; gli africani, che vennero portati in Brasile come schiavi; europei, mediorientali e asiatici, immigrati in Brasile a partire dalla metà del 19° secolo; popolazioni indigene Tupi e Guarani.

I matrimoni misti tra portoghesi, schiavi e indigeni erano comuni. Anche se il principale gruppo etnico europeo era in origine portoghese, le successive ondate di immigrazione hanno contribuito a un patrimonio etnico e culturale molto diversificato.

Dopo l’indipendenza dal Portogallo, il Brasile venne governato democraticamente tra il 1889 e il 1930. Questo periodo si concluse con un colpo di stato militare e successiva dittatura, durata dino al 1989.

Negli ultimi anni il Brasile ha visto una rapida crescita economica, grazie a interventi volti a eliminare le cause della fame e della malnutrizione.

Tuttavia, un quarto della popolazione vive ancora in povertà e gli effetti sono particolarmente gravi nelle condizioni di vita dei bambini.

Durante l’estate, che va da dicembre a febbraio (periodo di vacanze scolastiche), Rio de Janero e le regioni del nord-est hanno temperature che raggiungono i 40 gradi. Il resto dell’anno, le temperature sono costanti sui 25 gradi.

Il sud ha più ampie variazioni di temperatura, che vanno dai 15 gradi in inverno (giugno-agosto) ai 35 in estate.

La regione amazzonica supera raramente i 27 gradi, ma è molto umida.

Gli alimenti tipici del Brasile sono composti da riso, fagioli, pasta, pollo, frutti e ortaggi tropicali e caffè. Data la vastità del Paese, vi sono diverse cucine regionali.

Il piatto più noto all’estero è feijoada, a base di fagioli neri, carne di maiale e manzo: è una ricetta molto nutriente seppur realizzata con ingredienti semplici.

Maria Angelica: una bambina che vive in Brasile

Brasile: adozione a distanza per Maria Angelica

Maria Angelica ha sei anni e vive con la mamma Silvani e il papà Francisco in una piccola casa a Pacatuba, Brasile. Gli abitanti del villaggio lavorano per lo più come muratori o contadini; molti sono i disoccupati.

A Pacatuba c'è poca assistenza medica. I liquami e la spazzatura lungo le strade sterrate causano infezioni, scabbia e malattie respiratorie.

Francisco lavora come muratore, ma è un lavoro poco redditizio. Per questo, svolge altri lavori saltuari insieme alla moglie.

Silvani ha chiesto aiuto per la sua bambina al centro Compassion del paese: il suo sogno è che Maria Angelica possa diventare un’avvocato, grazie alle opportunità che riceve al centro Compassion.

Al centro, Maria Angelica riceve pasti nutrienti e aiuto nello studio. Ha la possibilità di giocare e divertirsi in un ambiente pulito, sicuro e colorato. Qui sta imparando ad avere fiducia e speranza per il proprio futuro: “Mi piace molto cantare le canzoni con gli altri bambini” racconta Maria Angelica. “Ogni volta che torno a casa non vedo l’ora di insegnarle anche a mia mamma!”

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2018 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 1.8 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful