Lavoro minorile

Lavoro minorile

Liberiamo i bimbi schiavi del lago Volta, in Ghana.

Fermiamo il lavoro minorile

Per proteggere i bambini dalla schiavitù.

Dona ora

Lago Volta, Ghana: il lago artificiale più grande al mondo nutre ogni giorno migliaia di persone – ma la sua industria del pesce si erge sulle spalle dei bambini più deboli, vittime di lavoro minorile.

Da oltre 50 anni, il lago è fonte di vita per i villaggi nati sulle sue sponde: intere comunità si guadagnano da vivere sulle barche o nei mercati del pesce.

Ma migliaia di pescatori – anzi, bambini pescatori – non sono lì per scelta.

Per tre anni, Ebenezer lavorò ogni giorno sul lago – alzandosi prima dell’alba. Le sue spalle bruciavano dalla fatica, mentre le sue mani sanguinavano e si coprivano di calli.

Gli uomini che crearono il lago avevano annegato una foresta. Così, ogni volta che le reti si impigliavano ai rami degli alberi, Ebenezer era costretto a gettarsi nell’acqua per districarle. Mentre i suoi occhi bruciavano e il panico gli assaliva lo stomaco – Ebenezer pregava di poter riemergere e respirare di nuovo.

L’industria del pesce del lago Volta è fondamentale per l’economia del Ghana, ma vive sulle spalle dei bambini più poveri, la maggior parte dei quali ha meno di 10 anni. Svolgono lavori pericolosi e difficili, sono sottoposti a violenze e spesso non vengono neppure pagati.

I mesi trascorrevano ed Ebenezer, nella sua angoscia, pregò per la sua liberazione.


“A volte mi sedevo e pensavo al mio futuro”, racconta. “Volevo essere libero, ma non potevo. Pregavo che Dio mi aiutasse ad andarmene”. Leggi la sua storia

Perché donare per i bambini vittime di lavoro minorile è importante?

Lavoro minorile

150 MILIONI DI BAMBINI tra 5 e 14 anni sono vittime del LAVORO MINORILE

Lavoro minorile: stipendio negato

4 BAMBINI SU 5, oltre a essere sfruttati, non percepiscono alcun salario

Lavoro minorile: pericolo

Oltre 115 MILIONI DI BAMBINI sono impiegati in LAVORI PERICOLOSI

Lavoro minorile: tempo

Più del 50% di questi bambini lavorano OLTRE 9 ORE AL GIORNO

Fonti: ILO, Verite, The Guardian, UNICEF

Grazie alla generosità di donatori come te aiutiamo i bambini a fuggire dal lavoro minorile

Alcuni esempi di cosa potremmo fare con la tua donazione

Donazione per materiale scolastico

10 euro

donare materiale scolastico ai bambini e ai ragazzi

Donazione per cibo

35 euro

donare scorte di cibo per i bambini e le famiglie

Donazione per corso di formazione

100 euro

permettere di frequentare un corso di formazione

Dona ora per aiutare i bambini vittime di lavoro minorile

Altri metodi di donazione

  • Bollettino postale: C/C 19311141 intestato a Compassion Italia Onlus. Indica nella causale "Lavoro minorile"
  • Bonifico bancario: IBAN IT57N 03048 0101 00000000 81848, Banca del Piemonte (se fai bonifico dall’estero il codice BIC/swift è BDCPITTT)

Ricorda: lo Stato premia la tua generosità. Le tue donazioni godono di benefici fiscali e sono detraibili o deducibili in sede di dichiarazione dei redditi. Benefici fiscali

Lavoro minorile: la storia di Ebenezer

La tratta di esseri umani è illegale in Ghana. Ma sulle barche del lago Volta non c’è legge.

I bambini vengono picchiati a colpi di remi o frustati con corde e cavi elettrici. Molti vengono privati del sonno, soffrono di malnutrizione, sono vittime di ogni tipo di violenza sessuale e fisica.

Le loro testimonianze parlano di crimini inenarrabili. Vengono loro negate cure mediche, istruzione e riposo. Se cercano di fuggire, vanno incontro a morte o terribili torture.

Non c’è altra parola: sono schiavi.

Per tre anni Ebenezer lavorò sul lago Volta, per la cui creazione erano state distrutte le foreste circostanti. Gettava le reti e le risollevava fino a quando le sue spalle non bruciavano e le sue mani si tagliavano e sanguinavano.

“La tratta di bambini è un problema legato alla povertà”, spiega Henry Amanor, direttore del centro Compassion di New Ningo, la città d’origine di Ebenezer.

“Mettetevi nei panni delle famiglie: avete tre bambini che non vanno a scuola, non ci sono i soldi nemmeno per mangiare e qualcuno vi promette di far lavorare uno dei vostri figli, portarlo a scuola e dargli uno stipendio. Chi di voi rifiuterebbe questa offerta?”

Davanti a questa prospettiva, molti genitori “cedono” i propri figli per meno di 70 euro. I trafficanti promettono che i piccoli verranno portati a pochi chilometri, ma in realtà vengono caricati su furgoni che li conducono lontano, dove non potranno mai trovare la via di casa.

A centinaia di chilometri di distanza, Comfort, la nonna di Ebenezer, era preoccupata per la sorte di suoi nipoti. Non riusciva nemmeno a dormire.

“Una sera, prima di addormentarmi, pregai. A un tratto, un pensiero balzò nella mia mente: io non sono mai andata a scuola, non potevo permettere che anche i miei nipoti avessero fatto la stessa fine! Così, decisi di andarli a riprendere”, racconta Comfort.

Chiese aiuto ad Henry, direttore del centro Compassion locale. Henry le spiegò che Ebenezer e i suoi cugini potevano essere salvati grazie alla chiesa locale e al centro.

Carica di speranza, Comfort si avviò verso il lago con Henry. Il loro obiettivo, audace e rischioso, era liberare Ebenezer e i suoi cugini.


Libertà per Ebenezer

Una notte, la tempesta piombò sul lago. I ragazzi urlavano disperati, mentre le onde sballottavano la barca. Ebenezer era certo: se non fosse riuscito a tornare a riva, sarebbe morto. Si aggrappò al sedile di legno, accecato dalla pioggia e soffocato dalla paura.

All’improvviso, la prua si alzò verso il cielo. La barca si erse in alto come un cavallo imbizzarrito, fino allo schianto finale. Ebenezer si ritrovò nell’acqua. Intorno a lui, i suoi amici galleggiavano reggendosi ai relitti della barca, scalciando disperatamente per raggiungere la riva. Per miracolo i bambini riuscirono ad allontanarsi dall’acqua, scampando dalla morte.

La barca era distrutta.

Quando Comfort rintracciò il nipote, pianse. Grazie a Compassion e a Henry, Ebenezer era finalmente libero: “Da sola non sarei mai riuscita a riportare a casa questi bambini. Se fossero rimasti sul lago, delle loro vite non sarebbe rimasto più niente”.

In tre anni di barca, dopo migliaia di ore di lavoro e angoscia, Ebenezer aveva guadagnato meno di 50 euro.

Oggi Ebenezer sta frequentando gli ultimi anni di liceo e sogna di studiare ingegneria. Il trauma che ha subito non è facile da dimenticare. Dopo aver lasciato il lago, Ebenezer è stato iscritto al centro Compassion, nutrito dall’amore della nonna e della chiesa locale e incoraggiato dal suo sostenitore, Daniel.

×

Benefici fiscali

La tua adozione a distanza e le tue donazioni a Compassion Italia Onlus sono deducibili: in sede di dichiarazione dei redditi potrai godere di agevolazioni fiscali. Puoi scegliere se dedurre o detrarre l’importo della donazione.

Con deduzione si riduce il reddito imponibile, con detrazione si riduce l’imposta da pagare.

Siamo una Onlus: che tu sia un privato o un'azienda, potrai scegliere di quali benefici fiscali usufruire a seguito della tua donazione!

Persone Fisiche

Aziende, imprese, soggetti IRES


Conserva le ricevute delle tue donazioni

Per godere di benefici fiscali, le donazioni devono essere effettuate attraverso pagamenti tracciabili come bonifici bancari o postali, carte di credito, carte prepagate, assegni bancari e circolari o altre modalità che permettano efficaci controlli da parte del Ministero delle Finanze.

Le donazioni in contanti non rientrano tra le opzioni per cui beneficiare di benefici fiscali.

×
Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2018 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 1.8 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful