Perù

A Compassion siamo felici di lavorare a favore dei bambini e fare la differenza nelle comunità più povere dei Paesi in via di sviluppo.

Ognuna di queste nazioni ha la sua storia e la sua cultura e, al tempo stesso, ognuna di esse affronta particolari sfide e problemi. Quindi, mettiti comodo e scopri di più insieme a noi sul Perù!

Dati e statistiche

Capitale: Lima
Popolazione: 30,44 milioni
Scolarizzazione popolazione adulta: uomini 97,3%, donne 91,7%
Accesso a fonti d’acqua: in città 99,3%, in campagna 69,4%
Aspettativa di vita: uomini 70 anni, donne 75 anni
Religione: cattolicesimo 58%, protestantesimo 15%
Mortalità infantile (prima di aver compiuto 1 anno): 1,9%
Popolazione al di sotto della soglia di povertà: 25,8%

Compassion in Perù

Perù, adozione a distanza

Anno inizio programmi: 1985
Bambini nel programma di adozione a distanza: oltre 64.400
Bambini sostenuti dall’Italia: più di 600
Numero di centri per lo sviluppo infantile: 253

4 fatti sull'Perù

  1. Il tasso di povertà in Perù è diminuito in modo significativo negli ultimi 10 anni, ma rimane alto nelle zone rurali, dove oltre metà della popolazione vive in povertà.
  2. Più di un terzo dei bambini peruviani è sottoposto a sfruttamento lavorativo, spesso in condizioni pericolose.
  3. Dal 1980 al 2000, quasi 70.000 persone sono state uccise nella guerra civile tra militari e gruppi guerriglieri tra cui Sendero Luminoso e il Movimento Rivoluzionario Tupac Amaru.
  4. Il Perù è il più grande produttore al mondo di foglie di coca, la materia prima da cui si estrae la cocaina.

Come si dice? Impara la lingua!

Lo spagnolo è la lingua ufficiale del Perù. Nelle zone in cui sono predominanti, anche le lingue indigene hanno uno status di ufficialità – ad esempio quella Quechua.

  • ¡Hola! (Ciao!)
  • ¡Adiós! (Arrivederci!)
  • Mi nombre es (Mi chiamo)
  • ¿Cómo estás? (Come stai)
  • Estoy bien (Sto bene)
  • Gracias (Grazie)
  • Dios te bendiga (Dio ti benedica)

Informazioni utili

Nonostante il Paese stia vivendo un periodo di crescita, le disparità e disuguaglianze sono ancora forti in Perù. La povertà colpisce quasi un terzo della popolazione e gli abitanti delle zone rurali non hanno accesso a risorse e servizi di base. Nelle regioni andine, oltre il 55% delle persone vive in povertà.

Il Perù si sta ancora riprendendo dalla guerra civile tra forze governative e guerriglie dei gruppi Sendero Luminoso e del Movimento Rivoluzionario Tupac Amaru. Come conseguenza, circa 100.000 persone hanno dovuto fuggire dai loro villaggi – soprattutto dalle Ande e dalle regioni amazzoniche. Nonostante questi gruppi armati siano oggi indeboliti, la violenza è ancora un problema in Perù.

Nel 2013, il Perù ha superato la Colombia come principale mondiale di foglie di coca – la materia prima da cui si estrae la cocaina. Nelle vallate andine, molti agricoltori fanno affidamento sulla coltivazione di coca come unica fonte di reddito, dipendenti dai trafficanti di droga per il loro sostentamento.

Il governo ha attuato un programma di eradicazione della coca, senza però offrire soluzioni alternative. Molti contadini continuano dunque nella produzione di coca, spostando le coltivazioni nei più remoti angoli delle Ande per sfuggire ai controlli.

Gli investitori stranieri, attratti da condizioni favorevoli, sono interessati a sfruttare le ricchezze minerarie del Perù. Tuttavia, le autorità hanno dovuto affrontare l'opposizione nelle zone rurali. Gli indigeni delle Ande e dell’Amazzonia sono convinti che miniere, dighe e pozzi di petrolio distruggeranno le loro terre, senza ricadute positive per la popolazione.

Nel giugno 2009, le proteste furono segnate dalla violenza: 33 persone rimasero uccise e 200 ferite quando la polizia aprì il fuoco sugli indigeni che protestavano contro lo sfruttamento delle loro terre.

L’antico Perù fu la sede di diversi imperi Incas, fino all’arrivo dei conquistatori spagnoli nel 1533. L’indipendenza peruviana venne dichiarata nel 1821.

A seguito di un lungo periodo di dittatura militare, il Perù tornò alla demozia nel 1980, continuando però a sperimentare problemi economici e rivolte violente. L’elezione del presidente Alberto Fujimori nel 1990 inaugurò un periodo di lotta contro le guerriglie, ma una crisi interna al Paese – dovuta a gravi casi di corruzione – causò le sue dimissioni nel 2000.

Successivamente, Alejandro Toledo Manrique fu eletto come presidente – il primo capo di governo di etnia indigena, democraticamente eletto.

Il clima del Perù ha due stagioni principali: stagione umida e stagione secca, anche se le condizioni meteorologiche variano molto a seconda della regione geografica. La temperatura è in gran parte influenzato dall’altitudine: più ci si avvicina alle Ande, più le temperature sono fredde.

Il Perù è noto per la sua cucina traduzionale. I piatti tipici sono differenti da regione a regione, ma sia sulla costa che sugli altopiani sono spesso composti da zuppe e riso. I frutti di mare sono tipici delle zone costiere, mentre carne, mais e patate sono frequentemente consumati nelle zone di montagna.

Heidy: una bambina che vive in Perù

Perù: adozione a distanza per Heidy

Poco tempo fa la piccola Heidy (6 anni) andò a vivere con la nonna Martha in una piccola e remota cittadina sulle Ande. La mamma era morta da poco, a causa di una malattia improvvisa. Il papà lavora lontano, in una fabbrica di borse e ogni due settimane viene a visitare la sua bambina.

Nel frattempo, Heidy aiuta la nonna nell’allevamento e nella semina: anche se è una bambina piccola, è già in grado di portare al pascolo le pecore. Vivere in un povero villaggio di montagna, lontana da una città come Lima, la protegge dai pericoli di una metropoli.

Passati pochi mesi dall’arrivo di Heidy nel villaggio, un nuovo centro Compassion iniziò ad avviare un progetto di sostegno all’infanzia. Heidy venne registrata al programma di adozione a distanza e ora, dopo la scuola, va al centro e impara tante cose nuove. Ha anche la possibilità di mangiare un pranzo nutriente, riceve cure mediche, canta insieme agli altri bambini del coro e sa che ci sarà sempre qualcuno che si prenderà cura di lei.

Le manca molto la mamma, ma gli insegnanti del centro fanno tutto il possibile affinché Heidy si senta sempre amata, accolta e apprezzata.

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2018 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 1.8 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful