Thailandia: bambine rapite e costrette a sposarsi

Thailandia: Chompuu, 13 anni, stava tornando a casa. Venne rapita e costretta a sposare il suo rapitore. Il rapimento della sposa è una tradizione dell’etnia Hmong. Ma qualcosa sta cambiando.

Thailandia: libertà per le spose bambine

Era un tardo pomeriggio di aprile, il mese più caldo nel nord della Thailandia. Chompuu, capelli neri e lucenti raccolti dietro le orecchie, camminava lungo la strada sterrata verso casa. All’improvviso, un'auto si fermò dietro di lei.

Cinque uomini saltarono fuori dalla vettura, afferrarono Chompuu e la spinsero in macchina. Iniziò a gridare, ma nessuno rispose alla sua disperata richiesta d’aiuto.

Tutto questo avvenne cinque anni fa.


A soli 13 anni, Chompuu fu vittima del "rapimento della sposa", una tradizione del popolo Hmong. Questa brutale pratica prevede che le ragazze vengano rapite dagli uomini, rinchiuse per giorni in una stanza e obbligate a sposare il loro rapitore. Spesso accade senza il consenso dei genitori della ragazza.

"Non volevo sposarlo, ma questa è la tradizione", spiega Chompuu.

Il rapimento della sposa è una pratica che costringe le ragazze a diventare mogli quando sono poco più che bambine. Molte ragazze della zona sono costrette a lasciare la scuola, a diventare madri e a vivere in schiavitù.


In Thailandia c’è un numero altissimo di spose bambine — oltre mezzo milione. Secondo le norme thailandesi, l'età legale per il matrimonio è 17 anni e il consenso dei genitori deve essere concesso fino a 20 anni. Ma troppo spesso la legge viene ignorata a favore delle tradizioni culturali.

Thailandia: libertà per le spose bambine

Alla base di questo problema c'è la convinzione che le ragazze e le donne abbiano un valore inferiore ai ragazzi e agli uomini.


La chiesa locale prende posizione

Noojee ha 17 anni. Negli ultimi tre anni, una ad una, le sue amiche hanno abbandonato la scuola.

Le mie amiche sono state costrette a sposarsi quando avevano solo 14 o 15 anni. Siamo rimaste in poche ad andare a scuola.

Noojee è triste, mentre pensa ai sogni infranti dalle sue amiche. Ma è grata di non essere vittima del matrimonio forzato.

Thailandia: libertà per le spose bambine

Se la chiesa locale non avesse convinto i suoi genitori sull'importanza dell’istruzione per la loro figlia, la vita di Nooje oggi sarebbe diversa.

"Iscrivere Noojee al nostro centro è stata una sfida” racconta Lursak, direttore del centro Compassion.

La sua famiglia aveva la tipica mentalità secondo cui le ragazze non hanno bisogno di istruzione e devono restare a casa per servire la famiglia.

I genitori di Noojee, semplici agricoltori, vivono nella stessa capanna con altre sei famiglie della tribù: quel poco che ogni famiglia coltiva viene condiviso con gli altri.

Ma la nonna di Noojee è una donna che si dedica a rituali occulti e si è sempre opposta fortemente al suo ingresso al centro Compassion.

Nonostante l’iniziale resistenza, i genitori di Noojee hanno comunque registrato la figlia al programma di adozione a distanza. E, dopo poco tempo, hanno notato un cambiamento positivo nella sua vita!

Thailandia: libertà per le spose bambine

Grazie alla sua trasformazione, il papà ha iniziato a frequentare la chiesa partner locale. E miracolosamente, tutta la sua famiglia ha conosciuto l’amore di Dio. La loro nuova vita in famiglia si basa su valori cristiani, hanno compreso l’importanza dell’istruzione e lottano contro i matrimoni forzati.

Per Noojee è la vita è cambiata.

"Prima di conoscere l’amore di Dio, in famiglia mangiavamo separati. Le donne mangiavano solo dopo che gli uomini avevano finito. Ora mangiamo tutti insieme, ed è una vera gioia!”

Ha anche visto un cambiamento nell'atteggiamento di suo padre.

Mio papà è più felice ed è molto affettuoso con me e mia sorella. È contento che anche noi andiamo a scuola, non solo mio fratello.

Thailandia: libertà per le spose bambine

"Non avevo mai riflettutto sulla pratica del rapimento della sposa, ma il pastore della chiesa mi ha incoraggiato a difendere le mie figlie e lottare per i loro diritti".

La chiesa locale è convinta che educare le ragazze sia la chiave per combattere il matrimonio forzato e il rapimento della sposa nei villaggi Hmong. Lentamente, i cuori degli abitanti stanno cambiando.


Lottare per le ragazze è importante

Dopo anni in difesa delle ragazze e delle bambine, la chiesa locale e il centro Compassion stanno facendo la differenza.

Il popolo Hmong sta iniziando a riconoscere i diritti dei bambini e l'importanza di proteggere le loro ragazze dalle pratiche brutali e illegali.

Grazie alla nostra collaborazione con la chiesa locale, ragazze come Noojee possono essere libere dai matrimoni forzati e possono realizzare il loro sogno – vivere in serenità e studiare.

Thailandia: libertà per le spose bambine

“Nella mia comunità, so che tutti si aspettano tanto da me, semplicemente perché sono una ragazza. Ma sono davvero grata che ora i miei genitori siano cristiani e mi incoraggino a studiare".


Aiutaci a cambiare la vita delle bambine

In tutto il mondo, tantissime bambine rischiano di essere vittime di piaghe come matrimoni forzati, sfruttamento, schiavitù. Insieme a noi, puoi aiutarci a liberarle e a prevenire queste terribili condizioni di vita.

Sostieni una bambina

Articoli recenti

Ogni mese, le storie più belle nella tua email

Compassion logo
Codice Fiscale 97590820011 - CC Postale 19311141
© 2019 Compassion Italia Onlus - Dal 1952 ci dedichiamo a livello internazionale all'adozione a distanza e aiutiamo 1.8 milioni di bambini in Asia, Africa e America Latina

Powered by Contentful